gazpacho

Il Gazpacho è una delle ricette più famose della cucina spagnola, più in particolare dell’Andalusia, a Sud della Spagna: una “zuppa” fredda a base di verdure. Ideale per l’estate, può essere consumato come antipasto o primo piatto.

Questo piatto ha origini contadine: grazie alla sua freschezza i braccianti lo portavano nei campi roventi e lo consumavano come spuntino gustoso e rinfrescante. Questa caratteristica è talmente ricercata che, a volte, viene accentuata dall’aggiunta di cubetti di ghiaccio durante la preparazione.

Il gazpacho è uno di quei piatti estivi che, grazie al turismo di massa, hanno oltrepassato la fama regionale e  superato i confini nazionali per diventare simbolo di profumi e sapori di un paese che vanta una tradizione culinaria intrigante.

Come preparare il Gazpacho

Scopriamo insieme come preparare questa bontà vegetariana colorata e rinfrescante ideale per l’estate sia come antipasto che come primo piatto! Può essere infatti servito come sia antipasto o come minestra fredda, si prepara in poco tempo e può essere servito anche in monoporzioni.

INGREDIENTI per 4 persone:

  • 6 pomodori
  • mezzo cetriolo
  • 2 peperoni
  • 2 gambi di sedano
  • 2 scalogni
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • 20 ml di salsa Worcester
  • sale e pepe
  • 50 ml di olio evo

DIFFICOLTA: facile

TEMPO: 30 minuti circa

PREPARAZIONE E PROCEDIMENTO – Laviamo e sbucciamo gli scalogni e l’aglio. Passiamo gli scalogni e l’aglio e poi le verdure rimanenti (se preferite, usate il mixer).

Abbiate cura di eliminare i semi e i torsoli da cetriolo e peperoni. Aggiungiamo al succo ottenuto il concentrato di pomodoro mescolato con l’olio e la salsa Worcester.

Mescoliamo e condiamo a piacere. Prima di servirlo mettiamolo in frigo per un’ora.

CONSIGLI –  guarnite con crostini di pane o basilico a foglie o tritato. Servite il gazpacho con dei cubetti di ghiaccio quando fa molto caldo, ma poi consumatelo subito altrimenti il ghiaccio si scioglierà alterando il sapore del piatto.

Articolo precedenteI segreti delle nonne in cucina
Prossimo articoloEstate: alcuni consigli su come mangiare e bere correttamente nella stagione calda